Febbraio 15, 2024

Il Piemonte alla guida di Sfide e opportunità dell’AI

ai

Il Piemonte sta assumendo un ruolo di leadership nel dibattito europeo sull’intelligenza artificiale (AI) grazie alla designazione del presidente della regione, Alberto Cirio, come responsabile della redazione del parere del Comitato europeo delle Regioni su questa tematica. Questo parere, intitolato “Sfide ed opportunità dell’Intelligenza Artificiale nel settore pubblico: definire il ruolo delle regioni e degli enti locali“, è un’iniziativa fondamentale per affrontare le implicazioni dell’IA nel contesto delle amministrazioni pubbliche e delle comunità locali.

L’intelligenza artificiale è diventata parte integrante delle attività quotidiane e dei processi lavorativi, influenzando sempre più le dinamiche delle pubbliche amministrazioni, delle imprese e dei cittadini. In questo contesto, le regioni e gli enti locali svolgono un ruolo cruciale nel promuovere un approccio etico e trasparente all’utilizzo dell’IA. Questo può essere realizzato attraverso la collaborazione tra settore pubblico, privato e accademico per sviluppare soluzioni tecnologiche che rispettino standard e processi di digitalizzazione condivisi nel territorio, contribuendo così a ridurre il divario digitale.

Tuttavia, è importante evitare che si crei una disparità nell’accesso e nell’utilizzo dell’IA, che potrebbe rendere le pubbliche amministrazioni incapaci di sfruttare appieno le potenzialità di queste tecnologie. Pertanto, il Comitato europeo delle Regioni ha deciso di promuovere un ampio dibattito su questo tema a livello europeo, per guidare la discussione su come integrare in modo efficace l’IA nel sistema economico e produttivo di tutti i Paesi membri.

Innovazione e automotive: il Piemonte si riconferma in pole position

«Promuovere un approccio europeo all’intelligenza artificiale rappresenta un obiettivo strategico per restare al passo con l’innovazione e creare un coordinamento tra Stati, regioni e città, in particolare per quanto riguarda il settore pubblico – spiega il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio – Le Regioni possono svolgere un ruolo chiave nel garantire la formazione sia a livello pubblico sia privato, e la sinergia tra industria, istituzioni accademiche, start-up anche grazie ai finanziamenti del Pnrr. E’ quindi un grande onore che il Piemonte sia stato scelto per questo incarico, riconoscendo la nostra eccellenza in campo tecnologico, confermato dalle tante applicazioni dell’Ai che già oggi sono parte integrante del nostro sistema manifatturiero e produttivo e dal ruolo di Torino che il governo ha scelto come sede dell’intelligenza artificiale in Italia».

L’incarico conferito al Piemonte e al presidente Cirio come rapporteur presso il Comitato delle Regioni rappresenta un importante riconoscimento per la regione. Il Piemonte vanta una solida tradizione industriale nell’ambito dell’automotive, della manifattura, dell’informatica, dell’elettronica e dei semi-conduttori. Questo patrimonio industriale è supportato da un ecosistema imprenditoriale dinamico, che trae vantaggio dalla presenza di istituzioni accademiche di alto livello.

Inoltre, la designazione del Piemonte e di Torino come sede del Centro italiano per l’intelligenza artificiale aggiunge ulteriore prestigio alla regione. Questo centro sarà fondamentale per lo sviluppo e l’implementazione di tecnologie legate all’IA nel contesto italiano.

Il calendario dei lavori prevede che nelle prossime settimane si avvii la redazione del parere, con l’obiettivo di ottenere l’approvazione da parte dell’assemblea plenaria del Comitato delle Regioni entro il prossimo mese di novembre. Questo sottolinea l’urgenza e l’importanza di affrontare le sfide e cogliere le opportunità offerte dall’intelligenza artificiale nel contesto delle amministrazioni pubbliche e delle comunità locali.

Fonte: Comunicato stampa

Leave a Reply
You must be logged in to post a comment.