Sab. Lug 13th, 2024

Sacrificio, professionalità e altruismo: premiati gli infermieri in missione in Turchia

infermieri

Spirito di sacrificio, professionalità, ma anche altruismo. Il 17 maggio, nell’Aula Magna dell’Ospedale Oftalmico di Torino, gli infermieri che hanno partecipato alla missione sanitaria in Turchia in soccorso delle popolazioni colpite dal terremoto, hanno ricevuto un riconoscimento ufficiale dagli Ordini delle Professioni Infermieristiche del Piemonte. 

Coraggio e professionalità

«È con grande orgoglio che oggi siamo qui a fare i nostri ringraziamenti ai coraggiosi infermieri piemontesi. Hanno dimostrato di essere professionisti talentuosi ma anche persone di buon cuore – ha affermato Ivan Bufalo, presidente dellOrdine delle Professioni Infermieristiche di Torino – e questo riconoscimento è un simbolo dellinconfutabile professionalità che hanno dimostrato in Turchia accanto al comparto medico.»

L’ospedale da campo, allestito ad Antiochia lo scorso 17 febbraio, è stato messo a disposizione dalla Regione Piemonte e donato dal Governo italiano a quello della Turchia. Insieme al coordinatore della missione Mario Raviolo sono stati 63 gli infermieri piemontesi che hanno dato supporto al comparto medico in Turchia nell’ospedale da campo Emt2. Hanno curato quasi 3.000 persone e facendo nascere 22 bambini con un passaggio di circa 200 persone al giorno. 

Il riconoscimento per gli infermieri

Alla cerimonia ha rilasciato il suo intervento video Luigi Genesio Icardi, Assessore alla Sanità della Regione Piemonte. Hanno partecipato i Presidenti degli OPI del PiemonteCarmelo Gagliano della FNOPI. Era inoltre presente anche Carlo Picco, Commissario dell’Azienda Sanitaria Zero e diversi rappresentanti delle Aziende Sanitarie piemontesi.

«Il riconoscimento conferito agli infermieri è fondamentale e sottolinea il loro grande impegno ad affrontare tutte le tipologie di sfide – ha dichiarato il dottor Carlo Picco, Commissario di Azienda Sanitaria Zero Regione Piemonte e Direttore Generale di ASL Città di Torino– Siamo qui, oggi, all’Ospedale Oftalmico, ospedale simbolo di quanto successo negli ultimi quattro anni a seguito dell’emergenza Covid. Dopo l’esperienza del Covid, Hospital OGR, realizzato grazie al sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo, dove siamo stati supportati da medici e infermieri cubani. Con i risparmi ottenuti (perché il Covid Hospital OGR è stato realizzato in una settimana) è stata ristrutturata tutta un’ala dell’Ospedale Oftalmicoche abbiamo reso disponibile per l’emergenza, per un totale di 80 posti letto.»

Ha concluso Bufalo: «La missione in Turchia è stata la riprova di quanto la figura degli infermieri sia indispensabile nel sistema sanitario. ma soprattutto lavori di concerto con le professioni mediche – ha rimarcato Bufalo – La loro prontezza sia nelle situazioni di emergenza che in quelle ordinarie è una capacità rara, che dimostrano con grandissima serietà e coraggio e con un incontrovertibile spirito di sacrificio. La sanità italiana è uneccellenza mondiale anche e soprattutto grazie alla tenacia e alla resilienza degli infermieri, in ogni momento» .

By Redazione

Canale di informazione su attualità e politica, lifestyle, comunicazione e i Comuni del torinese e non solo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.