Connect with us

Lifestyle

Gender-free, la filosofia senza genere

La parità tra sessi passa anche attraverso la libertà di non identificarsi nel binarismo uomo-donna. La cosiddetta filosofia gender-free, la liquidità di genere, è un fenomeno complesso e articolato che si riflette nelle piccole scelte di ogni giorno.

Published

on

Dalla scelta del colore delle camerette, non più solo azzurre o rosa, all’abbigliamento, non più necessariamente maschile o femminile, la filosofia gender-free inneggia alla libertà di esprimere il proprio Io senza lasciarsi condizionare dai caratteri sessuali primari o secondari di nascita.

Gender-free, i caratteri sessuali non si allacciano all’interiorità.

Che si tratti di genitali, di barba o seno, l’ideologia gender-free non considera questi elementi necessariamente identificanti della psicologia dell’individuo. “Si identifica un genere non binario – chiarisce la LGBT Foundation nella sua pagina web ufficiale – quando si va oltre le categorie “uomo” e “donna”, ci si sposta all’interno di esse oppure non si ha un vero e proprio genere, per un certo periodo di tempo o in maniera permanente”. Il gender-free ritiene la scelta esclusiva tra  l’essere “maschio o femmina” un mero costrutto della società, un insieme di regole ad uso e consumo di un sistema di valori oramai obsoleto, morente, soffocato da quella che Zygmunt Bauman avrebbe definito una “Modernità liquida”. Una modernità in cui il corpo non rappresenta necessariamente l’Io, e l’Io stesso non è costretto ad identificarsi con il corpo.

Il primo caso mediatico a Hollywood, avanguardia delle nuove correnti

Che Hollywood sia la terra madre delle tendenze più bizzarre è ben noto, tuttavia, tra Oscar e Golden Globe, spicca anche qualche battaglia ideologica di un certo spessore. È il caso di Shiloh Pitt, erede dell’impero Bradangelina, che ancora prima di nascere veniva già indicata dalla stampa internazionale come l’incarnazione della perfezione fisica. Del resto, con un patrimonio genetico come quello di Brad Pitt e Angelina Jolie, non avrebbe potuto essere altrimenti. E se tutti la dipingevano come un angelo dai lunghi capelli biondi, quando non era ancora che un puntino in un’ecografia, Shiloh ha stupito tutti facendosi apripista di quel fenomeno gender-free che da lì a poco sarebbe stato sulla bocca di tutti.

Shiloh Nouvel Jolie Pitt, 12 anni

Oltre a farsi chiamare John, secondo mamma Jolie la sua – o il suo – John-Shiloh “si veste come le persone del posto, le piacciono le tute, le piacciono i completi, le piace vestirsi da ragazzo, vuole essere un ragazzo, quindi abbiamo dovuto tagliarle i capelli, le piace indossare tutto ciò che è da bambino, pensa di essere come i suoi fratelli maschi”. Lo ha raccontato l’attrice nel 2010 a Vanity Fair, ribadendo il concetto anche all’Indipendent, che si riferisce a John-Shiloh utilizzando il pronome personale neutro “it”. Quella gender-free, insomma, è una questione anche linguistica, molto più complessa e articolata della semplice scelta del colore delle pareti.

Spazi gender-free. Utopia o realtà?

Addio alla scelta tra azzurro e rosa, tra mini-camion e baby-forni, tra tuta da ginnastica e scarpette di vernice. Gli spazi gender-free hanno colori neutri, come il verde o il giallo insieme giocattoli che non rispecchiano la sessualità di chi li usa – la Toys R, colosso online nel settore dei giocattoli per bambini, si era già attrezzato nel 2015 con balocchi neutrali, al grido di “Let Toys be Toys”. E la moda si adegua, proponendo capi che potrebbero essere stati rubati dall’armadio di Lui o di Lei. I bagni degli spazi pubblici, in particolare, potrebbero eliminare le ben note forme stilizzate con e senza gonna, lasciando spazio ad una più generica figura antropomorfa.

Canale di informazione su attualità e politica, lifestyle, comunicazione e i Comuni del torinese e non solo

Continue Reading
Click to comment

Rispondi

Lo Scoprieventi

Lalàgeatelier-Dispositivi Vestimentari il nuovo progetto al Museo del Tessile

Lalàgeatelier-Dispositivi Vestimentari il nuovo progetto al Museo del Tessile

Sabato 25 marzo, alle ore 16,30, negli spazi della Fondazione e Museo del Tessile di Chieri (via Santa Clara 10/A) sarà presentato al pubblico «Lalàgeatelier-Dispositivi Vestimentari». Un progetto in residenza dell’artista Sara Conforti e di Hòferlab ass. Cult., sostenuto dalla Compagnia di San Paolo e patrocinato dall’associazione “Tessile e Salute” di Biella in collaborazione con le sue aziende certificate. Ora approda a Chieri con un […]

Advertisement

STILI CONTEMPORANEI

magia magia
Lifestyle3 mesi ago

Magia del Natale da ritrovare

Il Natale è passato, senza però portare con sé la sua magia. Da sempre il Natale è una delle feste...

Nerd Nerd
Lifestyle3 mesi ago

Il Natale dei Nerd

Arriva Natale ed è già partita la corsa ai regali. C’è una categoria di persone i cui regali sono sempre...

Focus6 mesi ago

Maestri del Gusto 2022-2023

Spazio ai Maestri! 222 imprenditori eccellenti dell’enogastronomia locale,”Maestri”, secondo Camera di commercio di Torino, Slow Food e Laboratorio Chimico

didattica al museo del tessile didattica al museo del tessile
Lifestyle12 mesi ago

La didattica al Museo del Tessile incontra vecchie e nuove tradizioni

La didattica del 2022 al Museo del tessile coniuga natura, arti tessili, tradizione e nuove sperimentazioni.

In Cucina1 anno ago

“Steak House e Macellerie d’Italia”: la prima guida per gli amanti della carne

Carnivori di tutta Italia non potete perdervi: “Steak House e Macellerie d’Italia”, la prima guida italiana dedicata a questo settore...

colore-2022-very-peri-viola-blu-colori-comunicazione-loghi-brand colore-2022-very-peri-viola-blu-colori-comunicazione-loghi-brand
comunicazione1 anno ago

Very Peri: creatività e positività per il colore dell’anno 2022

Il mondo è colore. Ogni tonalità racconta la contemporaneità ed evoca una sensazione. Le emozioni sono strettamente collegate ai colori:...

In Cucina1 anno ago

World Pizza Day: una giornata intera per celebrare il cibo italiano più amato al mondo

Napoletana, romana o con impasto integrale. Cotta a legna o su pietra, rotonda o rettangolare. In qualunque modo sia fatta...

Lifestyle1 anno ago

Patrizia Sandretto Re Rebaudengo è la “Torinese dell’anno 2021”

Il Made in Italy non riguarda solo i prodotti eccellenti del nostro territorio ma anche le personalità di spicco che...

Lifestyle1 anno ago

C’era una volta l’albero di Natale

L’origine dell’albero di Natale potrebbe risalire all’epoca dei druidi. Per i sacerdoti celti, infatti, l’abete era un simbolo di vita...

meme meme
comunicazione1 anno ago

I meme al centro di Torino: il primo evento con #memissima

C'è chi li ama, chi invece li odia: si tratta di meme. All’Off Topic, l’hub culturale più frequentato di Torino...

LoScopribenessere

6 regole per dei reni in salute

6 regole per dei reni in salute

I reni sono due piccoli organi molto importanti per il nostro corpo. Il loro compito è quello di filtrare le impurità del sangue e regolarne il pH, rimuovere le tossine e produrre alcuni tipi di ormone indispensabili per la nostra vita. Per questo è importantissimo prendersene cura, anche per evitare malattie gravi come la malattia […]

Copyright © 2022 LoScoprinotizie. Canale di informazione su attualità e politica, lifestyle, comunicazione e i Comuni del torinese e non solo.
Responsabile di redazione Debora Pasero. Via Palazzo di Città 2/b - 10023 Chieri (TO) P.IVA: 11441470017
Per comunicati stampa, lettere, fotografie, opinioni : redazione@loscoprinetwork.it Tutti i diritti riservati | Progetto LoScoprinetwork | Consulta la Cookie & Privacy Policy