Connect with us

Attualità e politica

Simboli dell’Olocausto: i colori nei campi di concentramento

La Giornata della Memoria celebra le vittime dell’Olocausto. Milioni di persone a cui è stata tolta la libertà, i diritti e la vita. Spersonalizzati e ridotti a una sequenza di numeri tatuati sulla pelle o cuciti sulla casacca a righe.

I simboli dell’Olocausto sono moltissimi; triangoli cuciti sulla stoffa a cui è stato dato un significato diverso. Ogni figura doveva stigmatizzare una condizione che all’epoca era considerata un reato.

Published

on

La Giornata della Memoria celebra le vittime dell’Olocausto. Milioni di persone a cui è stata tolta la libertà, i diritti e la vita. Spersonalizzati e ridotti a una sequenza di numeri tatuati sulla pelle o cuciti  sulla casacca a righe. 

I simboli dell’Olocausto sono moltissimi; come i triangoli cuciti sulla stoffa a cui è stato dato un significato diverso. Ogni figura doveva stigmatizzare una condizione che all’epoca era considerata un reato.

Le storie dell’Olocausto rinchiuse in un triangolo di stoffa

Il triangolo viola che identificava i testimoni di Geova
Il triangolo viola che identificava i testimoni di Geova

Durante la prima fase della deportazione a ogni prigioniero era affidato un triangolo di stoffa colorato. Ogni colore raccontava una storia, considerata reato durante il regime. Il rosa identificava le persone gay, il marrone la comunità Rom e il nero gli asociali. In questa categoria rientravano gli etilisti, i vagabondi e i disabili. Anche le donne e le prostitute erano identificate con il triangolo nero.

Per contrassegnare i prigionieri politici si utilizzava il colore rosso. Essi venivano fermati con la motivazione del “fermo protettivo”, pretesto utilizzato per arrestare tutti coloro che si opponevano al regime. Il colore blu, invece, toccava a chi era espatriato perché contrario dall’ideologia del Führer. Purtroppo però, in quei casi, gli esuli erano costretti a tornare in patria perché il regime minacciava le loro famiglie.

Anche chi aveva un’altra fede religiosa era perseguitato. Oltre al doppio triangolo giallo sovrapposto che rappresentava la Stella di David quindi la fede ebrea, c’era anche il triangolo viola che identificava i testimoni di Geova. 

L’esplosione del sistema dei colori

L’utilizzo dei triangoli colorati cambiava in base al campo di concentramento e al periodo di detenzione.

Questo terribile sistema di identificazione iniziò a scomparire con l’arrivo di numerosi deportati da vari paesi. Quando i campi di concentramento iniziarono a essere densamente popolati il sistema iniziò a incrinarsi e cadde in disuso. Con il progressivo sgretolarsi del Terzo Reich anche questo sistema di identificazione era destinato ad andare in disuso.

I simboli dell’olocausto non raccontano solo l’orrore, ma anche il coraggio di tutti i deportati che hanno avuto la forza di resistere e di non rinnegare mai la loro storia.

Lo Scoprieventi

Quali stereotipi e quali realtà?

Quali stereotipi e quali realtà?

Nell’ambito delle iniziative promosse in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la Città metropolitana di Torino organizza una giornata di confronto, giovedì 1 dicembre a partire dalle 9.30 presso la sede di corso Inghilterra dal titolo “Autori di violenza contro le donne: quali stereotipi e quali realtà?”.

Advertisement

STILI CONTEMPORANEI

Focus2 mesi ago

Maestri del Gusto 2022-2023

Spazio ai Maestri! 222 imprenditori eccellenti dell’enogastronomia locale,”Maestri”, secondo Camera di commercio di Torino, Slow Food e Laboratorio Chimico

didattica al museo del tessile didattica al museo del tessile
Lifestyle8 mesi ago

La didattica al Museo del Tessile incontra vecchie e nuove tradizioni

La didattica del 2022 al Museo del tessile coniuga natura, arti tessili, tradizione e nuove sperimentazioni.

In Cucina8 mesi ago

“Steak House e Macellerie d’Italia”: la prima guida per gli amanti della carne

Carnivori di tutta Italia non potete perdervi: “Steak House e Macellerie d’Italia”, la prima guida italiana dedicata a questo settore...

colore-2022-very-peri-viola-blu-colori-comunicazione-loghi-brand colore-2022-very-peri-viola-blu-colori-comunicazione-loghi-brand
comunicazione9 mesi ago

Very Peri: creatività e positività per il colore dell’anno 2022

Il mondo è colore. Ogni tonalità racconta la contemporaneità ed evoca una sensazione. Le emozioni sono strettamente collegate ai colori:...

In Cucina11 mesi ago

World Pizza Day: una giornata intera per celebrare il cibo italiano più amato al mondo

Napoletana, romana o con impasto integrale. Cotta a legna o su pietra, rotonda o rettangolare. In qualunque modo sia fatta...

Lifestyle11 mesi ago

Patrizia Sandretto Re Rebaudengo è la “Torinese dell’anno 2021”

Il Made in Italy non riguarda solo i prodotti eccellenti del nostro territorio ma anche le personalità di spicco che...

Lifestyle11 mesi ago

C’era una volta l’albero di Natale

L’origine dell’albero di Natale potrebbe risalire all’epoca dei druidi. Per i sacerdoti celti, infatti, l’abete era un simbolo di vita...

meme meme
comunicazione11 mesi ago

I meme al centro di Torino: il primo evento con #memissima

C'è chi li ama, chi invece li odia: si tratta di meme. All’Off Topic, l’hub culturale più frequentato di Torino...

Lifestyle12 mesi ago

Cameretta: lo spazio dedicato ai più piccoli 

La cameretta è il luogo dedicato ai più piccoli, ed è importante che questo spazio sia confortevole e adatto alle...

Lifestyle1 anno ago

Torino: da capitale sabauda a capitale della musica

Torino sarà il palco dell'Eurovision 2022. Un'ottima occasione di ripartenza all'insegna della musica e delle bellezze sabaude.

LoScopribenessere

Antibiotici: come farne un uso responsabile

Antibiotici: come farne un uso responsabile

Oggi si celebra la Giornata Europea sull’uso consapevole degli antibiotici e occorre fare chiarezza sull’utilizzo di questi medicinali.

Copyright © 2022 LoScoprinotizie. Canale di informazione su attualità e politica, lifestyle, comunicazione e i Comuni del torinese e non solo.
Responsabile di redazione Debora Pasero. Via Palazzo di Città 2/b - 10023 Chieri (TO) P.IVA: 11441470017
Per comunicati stampa, lettere, fotografie, opinioni : redazione@loscoprinetwork.it Tutti i diritti riservati | Progetto LoScoprinetwork | Consulta la Cookie & Privacy Policy